Registri Carico E Scarico Rifiuti Soggetti Obbligati

Registri Carico E Scarico Rifiuti Soggetti Obbligati registri carico e scarico rifiuti soggetti obbligati

Attività di demolizione, costruzione. Attività commerciali;. Attività di servizio;. Attività sanitarie. Quanto agli adempimenti amministrativi ed in particolare alla tenuta del registro di carico e scarico, i soggetti che producono rifiuti non pericolosi di cui all'art. deve essere conservato e compilato dai soggetti non obbligati ad iscriversi al.

Nome: registri carico e scarico rifiuti soggetti obbligati
Formato:Fichier D’archive
Sistemi operativi: Android. iOS. MacOS. Windows XP/7/10.
Licenza:Solo per uso personale (acquista più tardi!)
Dimensione del file: 26.37 MB

Registro di carico e scarico rifiuti industriali D. I soggetti di cui all'articolo , comma 3 hanno l'obbligo di tenere un registro di carico e scarico rifiuti su cui devono annotare le informazioni sulle caratteristiche qualitative e quantitative dei rifiuti, da utilizzare ai fini della comunicazione annuale al Catasto.

I soggetti che producono rifiuti non pericolosi di cui all'articolo , comma 3, lettere c , d e g , hanno l'obbligo di tenere un registro di carico e scarico su cui devono annotare le informazioni sulle caratteristiche qualitative e quantitative dei rifiuti.

Le annotazioni devono essere effettuate: a per i produttori, almeno entro dieci giorni lavorativi dalla produzione del rifiuto e dallo scarico del medesimo; b per i soggetti che effettuano la raccolta e il trasporto, almeno entro dieci giorni lavorativi dalla effettuazione del trasporto; c per i commercianti, gli intermediari e i consorzi, almeno entro dieci giorni lavorativi dalla effettuazione della transazione relativa; d per i soggetti che effettuano le operazioni di recupero e di smaltimento, entro due giorni lavorativi dalla presa in carico dei rifiuti.

Ne discende che durante il trasporto presso l'impianto di smaltimento rifiuti il formulario potrà essere privo di tale dato.

Riteniamo che si tratti di una concreta semplificazione della procedura. Ambiente 30 marzo , n.

Registro di carico e scarico rifiuti…abc

Nuovo M. Il nuovo M.

Comunicazione Rifiuti da apparecchiature elettriche ed elettroniche Comunicazione Rifiuti Urbani, Assimilati e raccolti in convenzione Comunicazione Produttori di Apparecchiature Elettriche ed Elettroniche sino rinvio del Sistri.

Qualora vengano attuatate operazioni di raccolta e raggruppamento dei rifiuti nel luogo di produzione, il produttore deve prestare attenzione a: - mantenere separate le diverse frazioni di rifiuto identificabili mediante il loro codice CER , al fine sia di prevenire negativi impatti sull'ambiente e la sicurezza degli operatori occorre infatti considerare che vi sono rifiuti che possono reagire tra loro dando origine a sostanze pericolose sia di favorire il più adeguato trattamento successivo tanto minore sarà la presenza di "materiale estraneo" quanto più efficiente sarà il processo di recupero o quanto più sicuro il processo di smaltimento ; - evitare situazioni di possibili impatti negativi su persone e ambiente, attraverso una scelta adeguata dei contenitori utilizzati in termini di materiali di idonea capacità, resistenza e dotazione di dispositivi utili - es.

Questi limiti vanno rispettati per ogni singolo lotto di rifiuti prodotto, ovvero per ogni singola operazione di carico di rifiuto prodotto. Nel caso in cui non vengano rispettate le condizioni descritte per il deposito temporaneo si configura la situazione di un'operazione di gestione di rifiuti che deve quindi essere sempre autorizzata.

Per l'attività di trasporto di propri rifiuti speciali non pericolosi ai sensi dell'art. La novità riguarda l'obbligo di registrare le operazioni di carico e scarico per la fase di trasporto e grava in particolare su slcune imprese che fino ad ora erano esonerate dalla tenuta del registro di carico e scarico anche per la produzione di rifiuti.

Tutela impresa consumatore

Infatti la stragrande maggioranza delle imprese interessate è rappresentata dalle imprese edili che trasportano i propri rifiuti non pericolosi. La compilazione del registro di carico e scarico deve essere fatta dal produttore del rifiuto entro 10 giorni lavorativi dal tempo della sua produzione per il carico e entro 10 giorni lavorativi dal tempo del suo conferimento per lo scarico.

I produttori di rifiuti obbligati alla tenuta dei registri devono tenerli presso il sito in cui i rifiuti vengono prodotti. I registri devono essere conservati per 5 anni dalla data dell'ultima registrazione.

I produttori devono conservare presso il sito di produzione le copie delle registrazioni che vengono loro trasmesse da chi materialmente le effettua. Annualmente, generalmente entro il mese di aprile, i produttori di rifiuti che ricadono nell'elenco dei soggetti obbligati alla tenuta dei registri di carico e scarico, ad eccezione delle imprese artigianali e industriali produttori di rifiuti non pericolosi con meno di dieci addetti, sono tenuti alla presentazione di una denuncia annuale, attraverso il modello MUD, dei rifiuti prodotti e inviati a trattamento di recupero o smaltimento nell'anno precedente.

Per la compilazione di tale denuncia devono essere utilizzate le informazioni contenute nei registri di carico e scarico.

Principali adempimenti a carico dei produttori di rifiuti

La circolare mantiene la scadenza del 30 aprile per l'invio di tali informazioni, e l'utilizzo del modello di cui al DPCM del 27 aprile il medesimo utilizzato lo scorso anno.

I produttori di rifiuti speciali pericolosi e non pericolosi presenteranno il MUD entro il 30 aprile prossimo, con le consuete informazioni, con una delle seguenti opzioni: Compilando e trasmettendo alla Camera di commercio territorialmente competente, previo pagamento del diritto di segreteria e con le modalità utilizzate per la presentazione del MUD di cui alla legge n.

Questa opzione permette l'utilizzo dei consueti software e delle consuete modalità di presentazione da parte delle associazioni. Compilando in via telematica gli appositi modelli, che saranno pubblicati sul portale www.

I soggetti che operano nel settore dei veicoli a fine vita devono invece presentare: per la dichiarazione , il MUD ai sensi del DPCM 27 aprile , entro il 30 aprile , in quanto la loro parte è abrogata a partire dalla dichiarazione relativa al Ricordiamo che questi soggetti possono presentare il MUD solo su supporto informatico.