Scaricare Pinnacle Studio Da

Scaricare Pinnacle Studio Da  pinnacle studio da

Vieni a esplorare tutte le nuove funzionalità e gli aggiornamenti disponibili da quando hai acquistato Pinnacle Studio Nuovi aggiornamenti hardware. Scarica oggi il nuovissimo Pinnacle Studio e scopri perché sta suscitando così tanto I principali motivi per effettuare l'aggiornamento da Pinnacle Studio Non a caso Pinnacle Studio offre standard di qualità altissimi con una semplicità di utilizzo difficilmente superata da altri programmi simili. Pinnacle Studio. Pinnacle Studio HD free download. Get the latest version now. Portato a voi da Avid®, leader mondiale nella tecnologia per la creazione professionale audio e. Su regentjob.info, si può scaricare Pinnacle Studio versione 14, download gratuito, sistema operativo richiesto Windows, da xp in avanti.

Nome: pinnacle studio da
Formato:Fichier D’archive
Sistemi operativi: MacOS. iOS. Windows XP/7/10. Android.
Licenza:Solo per uso personale (acquista più tardi!)
Dimensione del file: 71.35 MB

Potente software per il video editing che include molte funzionalità avanzate dedicate agli utenti esperti ma consente anche un utilizzo light, tra le numerose funzioni presenta molte opzioni proprie di suite più sofisticate. Si tratta di un software destinato ad una platea esperta che per lavoro o per passione lavora molto con i filmati. Disponibili in 13 lingue , il prezzo di vendita consigliato di Pinnacle Studio 19 Ultimate è di euro Gli acquirenti potranno scegliere di scaricare la versione digitale del programma direttamente online, oppure di ricevere a casa la scatola con il DVD del software.

Inoltre, particolari configurazioni tecniche possono essere richieste per poter utilizzare alcune particolari funzioni della suite. Il suggerimento è dunque quello di investire su di un PC molto ben strutturato per poter sfruttare al massimo tutte le potenzialità che la suite offre.

Fare clic su "imposta sottocartella" o sul pulsante Altro per accedere alle opzioni della sottocartella per il tipo di file multimediale. Vedere di seguito "Impostazione di una sottocartella". Indicatore livello file: questo grafico a barre indica per ogni destinazione di importazione lo spazio rimasto nel dispositivo di archiviazione. La prima parte della barra rappresenta lo spazio occupato nel dispositivo.

L'estensione colorata mostra quanto spazio richiederanno i file multimediali selezionati per l'importazione. Verrà aperta una finestra di selezione della cartella in cui sarà possibile spostarsi e, se necessario, creare la cartella da utilizzare.

Le cartelle che contengono sottocartelle sono indicate con il segno più a sinistra dell'icona della cartella quando sono chiuse e con il segno meno quando sono aperte. Facendo clic sull'icona lo stato della cartella cambia. Fare clic sull'icona con il segno più per visualizzare il contenuto di una cartella Per creare una sottocartella all'interno della cartella selezionata, fare clic su "Nuova cartella" nella parte inferiore della finestra di selezione dei file, digitare un nome per la cartella e quindi premere Invio.

Per rinominare una cartella, selezionarla e quindi farvi clic una volta con il pulsante sinistro del mouse oppure premere il tasto F2. Verrà aperta una finestra di modifica sul posto che consentirà di sovrascrivere il vecchio nome con uno nuovo.

Premere infine Invio per accettare o Esc per annullare la modifica del nome. Ridenominazione della cartella selezionata Dopo avere individuato e selezionato la cartella da utilizzare come cartella di base, fare clic sul pulsante OK per confermare la scelta e tornare alla finestra dell'Importazione guidata. Questi pulsanti aprono una finestra di dialogo che rappresenta una versione espansa del pannello Importa in e include i controlli necessari per impostare il nome della sottocartella o il metodo di denominazione per ogni tipo di file multimediale supportato dalla sorgente di importazione selezionata.

Finestra di dialogo espansa Importa in per contenuti multimediali basati su file. Dato che i file possono essere di tipo diverso, sono presenti controlli per tutti e tre i tipi. La maggior parte delle altre sorgenti consente di importare solo file video per cui non sono presenti i controlli Audio e Foto.

Immettere il nome della sottocartella in cui archiviare gli elementi del relativo tipo multimediale che verranno importati. Se in una sola operazione vengono importati più elementi multimediali, potrebbero essere create o aggiornate diverse sottocartelle.

Dopo avere effettuato la selezione, fare clic sul pulsante nella parte superiore destra della finestra di dialogo per tornare all'Importazione guidata. Pannello Modo Il pannello Modo dell'Importazione guidata consente di regolare le opzioni offerte da diverse sorgenti di importazione.

Preimpostazioni: il gruppo Preimpostazioni offre due configurazioni standard per la compressione audio e video e un'impostazione personalizzata che consente di ottimizzare i parametri di compressione nella finestra delle opzioni di compressione che viene visualizzata se si fa clic sul pulsante Altro in alto.

Vedere "Finestra delle opzioni di compressione" a pagina Nei computer meno recenti le prestazioni potrebbero pertanto risultare deteriorate. Fare clic sul pulsante Altro in basso per aprire la finestra delle opzioni per il rilevamento delle scene. Vedere "Finestra delle opzioni per il rilevamento delle scene" a pagina Un'area vuota, ovvero senza striping del time code, indica nastro vergine.

Se durante la ripresa non sono stati lasciati punti vuoti mediante leggera sovrapposizione delle riprese adiacenti , questa opzione consente una cattura automatica. Opzioni di importazione per file multimediali analogici Le opzioni per l'importazione analogica sono simili a quelle illustrate per le sorgenti digitali. Vedere di seguito per informazioni sulle finestre delle opzioni di compressione e delle opzioni per il rilevamento delle scene.

Ferma in mancanza di segnale è l'equivalente analogico dell'opzione Ferma a fine nastro descritta sopra. Se viene impostata, Studio terminerà automaticamente la cattura all'interruzione del segnale dal dispositivo sorgente. Opzioni di importazione per contenuti multimediali basati su file Il pannello Modo contiene due opzioni relative all'importazione di contenuti multimediali basati su file. Elimina originale: se viene selezionata questa opzione, le copie originali dei file importati verranno eliminate dopo la copia.

Questa opzione è pratica se si utilizza l'Importazione guidata per consolidare i contenuti multimediali e non si desidera mantenere nel disco rigido copie ridondanti.

Ignora duplicati: questa opzione aiuta a gestire i file multimediali ridondanti già presenti, in quanto con l'Importazione guidata non verranno importate copie aggiuntive di file che potrebbero avere un nome diverso ma risultano identiche.

In base a quello che si intende ottenere nella sequenza stop motion, è possibile impostare l'Importazione guidata per integrare i singoli fotogrammi in un filmato o semplicemente per importare ogni fotogramma come immagine o entrambi. Se si seleziona una preimpostazione DV o MPEG, è possibile utilizzare questa finestra per controllare le impostazioni in uso.

Se si modificano le impostazioni in questa finestra, verrà automaticamente selezionata la preimpostazione "Personalizzato". Finestra delle opzioni di compressione per l'importazione video digitale e analogica. Alcune opzioni sono opposte ad altre e pertanto non potranno essere visualizzate contemporaneamente. Impostazioni video Codec di compressione: utilizzare questo elenco a discesa per selezionare il codec da utilizzare.

Impostazioni audio Compressione: questo elenco a discesa mostra il codec che verrà utilizzato per comprimere i dati audio in ingresso. Registra audio: deselezionare questa casella di controllo se non si desidera utilizzare l'audio catturato nella produzione. In caso di importazione da sorgenti analogiche sono supportate solo le ultime due opzioni.

Nel corso della cattura video Studio rileva le interruzioni naturali nel video e lo divide in scene. Per ogni scena rilevata nella sezione relativa alle scene video dell'album viene creata una nuova icona. Durante la cattura Studio controlla i dati relativi a data e ora sul nastro e inizia una nuova scena ogni volta che viene rilevato un dato diverso.

Se la luce non è stabile, questa funzionalità potrebbe non funzionare correttamente. Ad esempio, per un video ripreso in un locale notturno potrebbe essere creata una nuova scena ogni volta che si accende il flash. Premere la [Barra spaziatrice] ogni volta che si desidera inserire una scena durante la cattura. Pannello Nomefile Questo pannello dell'Importazione guidata consente di specificare i nomi dei file in cui verranno archiviati i contenuti multimediali importati.

Ogni tipo di sorgente di input è associato a un nome di file predefinito assegnato da Studio. Il nome predefinito in caso di importazione di un'istantanea, ad esempio, è "Snapshot". Per modificarlo, fare clic nello spazio e digitare il nome desiderato. Durante l'Importazione guidata non viene mai sovrascritto un file esistente. Se è già presente un file con lo stesso nome del file di destinazione, al nome del file in ingresso viene aggiunto un numero in sequenza.

Per impostazione predefinita la denominazione per input basato su file è nel formato "[originale]. Per ottenere un nome personalizzato, immetterlo nella casella di modifica.

In caso di contenuti multimediali basati su file, tuttavia, il nome del file di destinazione è suddiviso in due parti: una radice specificata dall'utente e una parte finale generata da una di tre semplici regole al momento dell'importazione. La regola predefinita aggiunge un numero di sequenza univoco a ogni nome di file. In caso di immissione di un nome personalizzato, nella casella di modifica viene visualizzata solo la radice.

Quando il nome verrà visualizzato, sarà presente anche la parte finale. Per selezionare una regola diversa per la parte finale, fare clic sul pulsante Altro. Verrà aperta una finestra di dialogo con due elenchi a discesa. Il primo elenco consente di scegliere tra "originale" e "personalizzato" per la radice. Questa opzione è utile se si desidera tornare a importare i file con il nome originale.

Quando si fa clic sul nome della sorgente nel pannello Importa da, l'area centrale della procedura guidata viene configurata in modo appropriato con i controlli necessari. Importazione di contenuti multimediali basati su file Selezionare Altri dispositivi nel pannello Importa da dell' Importazione guidata per eseguire la preparazione per l'importazione da qualsiasi supporto di archiviazione basato su file, tra cui dischi rigidi, schede di memoria e chiavette USB.

La selezione dei file avviene nella finestra di selezione dei file multimediali e delle cartelle nell'area centrale della schermata. È affiancata a sinistra dai pannelli Importa da e Importa in e a destra dai pannelli Modo e Nomefile. Il pulsante Avvia importazione in basso a destra consente di iniziare la procedura in seguito alla selezione dei file multimediali desiderati. Ogni file selezionato sarà copiato nella cartella corretta per il relativo tipo multimediale come specificato nel pannello Importa in.

Finestra per la selezione di file e cartelle La colonna sinistra della finestra di selezione è una visualizzazione gerarchica di tutte le cartelle in tutti i dispositivi di archiviazione di file collegati al computer, tra cui dischi rigidi, unità disco ottiche, schede di memoria e chiavette USB. Lo spostamento in questo albero di cartelle è simile a quello in Esplora risorse di Windows e in altri programmi. Le cartelle che contengono altre cartelle sono indicate da un segno più a sinistra del nome quando sono chiuse e da un segno meno quando sono aperte.

Fare clic sul segno per aprire espandere o chiudere comprimere l'elenco di sottocartelle di una cartella. Tutti i file multimediali contenuti nella cartella saranno subito elencati nell'area più grande a destra della finestra di selezione. È possibile visualizzare in anteprima i file e contrassegnare quelli da importare selezionando la casella nell'angolo superiore destro di ogni icona di file.

Per selezionare o deselezionare un file per l'importazione, fare clic sulla casella di controllo nell'angolo superiore destro dell'icona. Nell'illustrazione sono stati selezionati tre file.

Pinnacle studio 16 download gratis italiano

Anteprima dei file multimediali Anteprima di audio e video: la finestra di selezione dei file comprende un'anteprima incorporata per tutti i tipi di file multimediali supportati. Fare clic sul pulsante play al centro delle icone dei file audio e video per eseguire o visualizzare in anteprima il contenuto.

Per un'anteprima rapida, i file video vengono riprodotti all'interno del fotogramma dell'icona. Fare clic in un punto qualsiasi dell'icona per arrestare la riproduzione.

In caso contrario, verrà riprodotto tutto il file. Questo pulsante è analogo al pulsante per l'anteprima a schermo intero in modalità di modifica di Studio vedere pagina 7. L'anteprima a schermo intero viene chiusa automaticamente al termine del video. Per chiuderla manualmente, premere il tasto Esc o fare doppio clic sul video durante l'anteprima. Per visualizzare una foto digitale o altre immagini a schermo intero, fare doppio clic sull'icona del file. Anteprima con scrubbing: sia per i clip video che per i file audio è presente un controllo di scrubbing subito sotto l'icona del file.

Fare clic e trascinare l'indicatore di scrubbing per controllare manualmente qualsiasi parte del file. Quando è correttamente posizionato per lo scrubbing, il puntatore del mouse diventa una freccia orizzontale a due punte. Selezione dei file multimediali da importare Per selezionare i singoli file multimediali da importare, fare clic sulla casella di selezione nell'angolo superiore destro dell'icona del file.

Fare clic sulla casella di selezione per selezionare o deselezionare il file Selezione multipla: con la finestra di selezione di file e cartelle è inoltre possibile selezionare o deselezionare contemporaneamente un gruppo di file evidenziati.

Per evidenziare un solo file, fare clic sul relativo nome o la relativa icona. Lo stato di evidenziazione è indicato da un bordo arancione. L'evidenziazione viene rimossa da tutte le icone non comprese nell'intervallo.

È inoltre possibile evidenziare un intervallo di icone direttamente con il mouse trascinando un rettangolo che intersechi le icone da includere. Fare clic sulla prima icona e spostarsi sull'ultima prima di rilasciare il pulsante del mouse. Dopo avere evidenziato alcune icone da importare, fare clic sul riquadro di selezione di una di esse per selezionare o deselezionare tutto il gruppo contemporaneamente.

Un gruppo di quattro icone di file video evidenziate. La selezione o deselezione di una o più di esse influenzerà tutto il gruppo. Seleziona tutto e Deseleziona tutto: fare clic su questi pulsanti nella parte inferiore della finestra di selezione dei file multimediali per selezionare per l'importazione tutti o nessuno dei file multimediali elencati nella cartella corrente. L'azione non riguarderà i file selezionati in altre cartelle. Utilizzare il pulsante Seleziona tutto per selezionare tutti i file multimediali nella cartella corrente Ogni volta che un file viene aggiunto o rimosso dall'elenco di quelli importati, la finestra di selezione dei file aggiorna l'indicatore di stato di selezione nella parte inferiore della schermata.

Chiudere l'albero delle cartelle: per sfruttare al massimo lo spazio per la visualizzazione dei file, fare clic sull'icona della freccia verso sinistra nella parte superiore della barra di scorrimento dell'albero delle cartelle. L'albero delle cartelle verrà compresso a una barra verticale nella parte sinistra. Nella parte superiore della barra è presente la freccia verso destra che consente di riaprire l'albero. È visualizzato anche il nome della cartella corrente.

Filtrare l'elenco di file: un ulteriore modo per ottimizzare l'uso dell'area file è quello di limitare i file visualizzati, includendo solo un tipo di contenuto multimediale. Si tratta della funzione dell'elenco a discesa nella parte inferiore sinistra della finestra di selezione.

Per impostazione predefinita, nella finestra di selezione vengono visualizzati tutti i tipi di file multimediali supportati, tuttavia è possibile limitare la visualizzazione a file di immagine, file audio o file video eseguendo una selezione in questo elenco. Per visualizzare quali tipi di file saranno inclusi in una selezione, passare il puntatore del mouse per un secondo o due sull'elemento per visualizzare un popup con l'elenco.

Passando il puntatore del mouse sull'opzione File audio verrà visualizzato un elenco di tipi di file da cui è supportata l'importazione audio Impostare la dimensione dell'anteprima: uno strumento finale per la gestione delle schermate è l'indicatore delle dimensioni delle anteprime nella parte inferiore destra della finestra di selezione. Spostare l'indicatore a sinistra per ridurre o a destra per aumentare la dimensione delle immagini di anteprima nella finestra di selezione.

Impostare il volume dell'anteprima: per impostare il volume di riproduzione di clip audio e video per l'anteprima, posizionare il puntatore del mouse nell'area del pulsante di disattivazione dell'audio nella barra inferiore della finestra di selezione dei file multimediali.

Recensione di Pinnacle Studio 22 Ultimate

Accanto al pulsante verrà visualizzato un indicatore di volume. Trascinare il pallino verso l'alto e il basso per controllare il volume. Fare clic sul pulsante di disattivazione dell'audio per attivare e disattivare l'audio. Regolazione dell'ora e della data del file da importare Gli orologi interni dei dispositivi di registrazione sono spesso impostati scorrettamente, pertanto i dati relativi a data e ora dei file multimediali possono essere spesso scorretti.

L'Importazione guidata è in grado di correggere questo tipo di problema, impostando data e ora dei file importati in base alle specifiche dell'utente. È possibile utilizzare questa regolazione per modificare l'ora in caso di video ripresi in paesi con fusi orari diversi. L'ora dei file multimediali importati verrà modificata su questo valore.

Verificare inoltre che la cartella di destinazione, le preimpostazioni di compressione e altre opzioni siano impostate negli altri pannelli come desiderato. Vedere "Pannelli dell'Importazione guidata", pagina Anteprima di video Il video in riproduzione nel dispositivo sorgente dovrebbe essere visibile nell'area di anteprima nella parte centrale della schermata.

Accanto al bordo dell'anteprima video è presente una barra che indica il livello audio in tempo reale. Sopra la barra, nell'angolo superiore destro del fotogramma di anteprima, è disponibile un piccolo pulsante che consente di passare in modalità a schermo intero. Per ulteriori informazioni, vedere "Registrazione di video e audio" a pagina La barra di avanzamento per l'importazione DV e HDV, con controlli di spostamento e lettura del time code, pulsanti di spostamento, un controllo shuttle e un pulsante audio con un indicatore popup per il controllo del volume dell'anteprima L'indicatore del time code corrente indica la posizione di riproduzione in base al time code registrato su nastro al momento della ripresa.

I quattro campi rappresentano rispettivamente ore, minuti, secondi e fotogrammi. A sinistra dell'indicatore è disponibile una coppia di pulsanti freccia utilizzabili per arretrare o avanzare di un fotogramma alla volta. Questi pulsanti trasmettono comandi alla videocamera.

Il loro uso equivale all'uso dei controlli presenti sulla videocamera, ma risulta più comodo. Trascinare la barretta arancione sul controllo shuttle a sinistra o a destra per modificare la posizione di riproduzione rispettivamente indietro o in avanti.

La velocità aumenta trascinando la barretta lontana dal centro. Quando viene rilasciata, la barretta torna alla posizione centrale e la riproduzione viene messa in pausa. Impostare il volume dell'anteprima: per impostare il volume di riproduzione per l'anteprima, posizionare il puntatore del mouse nell'area del pulsante di disattivazione dell'audio nella barra inferiore della finestra di selezione dei file multimediali.

Per ulteriori informazioni, vedere pagina Per informazioni, vedere pagina Registrazione di audio e video L'Importazione guidata supporta due approcci per selezionare una gamma di video da importare. Nell'approccio manuale l'utente si limita a guardare l'anteprima della riproduzione e a premere Avvia cattura all'inizio del filmato desiderato. Al termine del segmento, premere Stop cattura.

L'operazione terminerà alla fine dell'input. Il metodo di cattura automatico è idoneo per impostare i punti finali della cattura contrassegno di inizio e contrassegno di fine con precisione al singolo fotogramma e per eseguire un'importazione automatica che terminerà prima della fine del materiale registrato. In questo caso, facendo clic su Avvia cattura l'Importazione guidata individuerà il momento di inizio e avvierà la cattura fino a quando l'utente la terminerà o fino alla fine del nastro.

È inoltre possibile impostare un contrassegno di fine e lasciare vuoto il contrassegno di inizio. In questo caso, facendo clic su Avvia cattura l'importazione inizierà subito e terminerà automaticamente al contrassegno di fine specificato.

L'immissione di una durata equivale a impostare il contrassegno di fine. Indipendentemente dall'opzione impostata, l'Importazione guidata calcolerà e visualizzerà l'altra opzione automaticamente. Nota: prima di iniziare l'operazione di importazione, verificare che le impostazioni nel pannello Importa in e negli altri pannelli vedere pagina 21 siano state configurate correttamente. Per eseguire la cattura manualmente con i pulsanti Avvia cattura e Stop cattura: 1.

Verificare che i contrassegni di inizio e fine non siano impostati. Se necessario, utilizzare il pulsante associato al campo per eliminarli con un solo clic. Avviare manualmente la riproduzione del nastro sorgente prima del punto di inizio desiderato della cattura.

Fare clic sul pulsante Avvia cattura quando viene raggiunto il punto di inizio. L'etichetta del pulsante cambierà in Stop cattura. Alla fine del segmento fare di nuovo clic sul pulsante. Il materiale catturato verrà archiviato nell'album. Arrestare la riproduzione manualmente a meno che non sia attiva l'interruzione automatica come riportato sopra. Per eseguire la cattura in modo automatico impostando contrassegni di inizio e contrassegni di fine: 1. Utilizzare i controlli del contatore del tempo per impostare i valori per i contrassegni di inizio e di fine, ovvero i punti di inizio e fine del filmato desiderato.

Per impostare un contrassegno di inizio, immettere un valore direttamente nel campo relativo all'inizio oppure spostarsi al punto desiderato e fare clic sul pulsante Inizio. È possibile utilizzare un approccio analogo per impostare il contrassegno di fine. Fare clic su Avvia cattura. Studio posizionerà il dispositivo sorgente sul contrassegno di inizio e inizierà automaticamente la registrazione.

Al raggiungimento del contrassegno di fine, l'importazione si concluderà e il dispositivo sorgente verrà arrestato. Importazione da sorgenti analogiche Per registrare video analogico ad esempio VHS o Hi8 , è necessario un convertitore da collegare al computer che disponga delle connessioni audio e video appropriate. Lo stesso vale per la registrazione da sorgenti audio analogiche, ad esempio un registratore. Per eseguire la preparazione per l'importazione da una sorgente analogica, accendere il dispositivo e selezionarlo in base al nome nel pannello Importa da dell'Importazione guidata.

Scegliere anche l'input idoneo ad esempio video composito o video S-Video. Per modificare il segnale audio in ingresso prima della digitalizzazione, fare clic sul pulsante Altro che consente di accedere alla finestra con i livelli dell'input analogico. Prima di iniziare la cattura, verificare che la cartella di destinazione, le preimpostazioni di compressione e altre opzioni siano impostate negli altri pannelli come desiderato.

Per catturare da una sorgente analogica: 1. Verificare che sia connesso l'input corretto ad esempio video S-Video. Avviare il dispositivo di riproduzione appena prima del punto in cui si desidera iniziare la cattura.

In caso contrario, verificare i collegamenti dei cavi e l'installazione del convertitore. Fare clic sul pulsante Avvia cattura per iniziare la registrazione. Arrestare il dispositivo sorgente.

Contattaci

Per iniziare, inserire il disco sorgente nella relativa unità e selezionarlo nel pannello Importa da dell'Importazione guidata. Se sono presenti più unità ottiche, scegliere quella corretta tra le unità elencate. Nota: i supporti protetti dalla copia non possono essere importati. Prima di iniziare la cattura, verificare che la cartella di destinazione e il nome del file siano impostati negli altri pannelli come desiderato.

Dato che dall'importazione di dischi ottici possono risultare file di grandi dimensioni, è importante selezionare la directory di importazione corretta. Verificare in particolare che la posizione di archiviazione scelta disponga di spazio sufficiente vedere pagina Anteprima dei file su disco L'accesso ai contenuti multimediali presenti nei dischi ottici avviene mediante il file system del computer. Per questo motivo, i controlli di anteprima nell'area centrale, i metodi per la selezione dei file e la procedura di importazione sono gli stessi dei normali contenuti multimediali basati su file ad eccezione del fatto che le cartelle non necessarie sono inizialmente visualizzate chiuse.

È possibile che la fotocamera venga visualizzata nell'elenco delle sorgenti come unità disco rimovibile. L'anteprima, la selezione e l'importazione avvengono come per i normali contenuti multimediali basati su file ad eccezione del fatto che le cartelle non necessarie vengono inizialmente visualizzate chiuse.

Stop motion La funzione Stop motion dell'Importazione guidata consente di creare filmati unendo fotogrammi singoli estratti da una sorgente video live, ad esempio una videocamera analogica o una webcam.

Il risultato dell'importazione stop motion sarà una filmato a 8 o 12 fotogrammi al secondo, la raccolta delle immagini fisse o entrambi, in base alle impostazioni del pannello Modo.

Per eseguire la preparazione per l'importazione stop motion, controllare che il dispositivo sorgente sia acceso, quindi selezionarlo in base al nome sotto il titolo Stop motion nel pannello Importa da dell'Importazione guidata. Prima di iniziare la cattura, verificare che la cartella di destinazione, le opzioni e il nome del file siano impostati negli altri pannelli come desiderato.

Per un'anteprima a schermo intero, fare clic sul pulsante nella parte superiore destra dell'anteprima incorporata. Per terminare la modalità a schermo intero, premere Esc o fare clic sul pulsante Chiudi in alto a destra della schermata.

Quando si è pronti a catturare un'immagine, fare clic sul pulsante Cattura fotogramma. Verrà aggiunta una miniatura dell'immagine estratta nella barra delle immagini in basso nella finestra. Per ulteriori informazioni, vedere "Uso della barra immagini" a pagina Dato che si tratta di una sequenza stop motion, dopo aver estratto ogni immagine si apporteranno in genere lievi modifiche alla scena ripresa in modo da creare l'illusione del movimento da un fotogramma all'altro.

Per semplificare la visualizzazione, l'anteprima stop motion include un effetto "Buccia di cipolla" in base al quale i fotogrammi successivi vengono mostrati simultaneamente in livelli traslucidi per consentire di visualizzare chiaramente le differenze. Il numero di immagini riprese e la durata del filmato valore arrotondato, calcolato in base al numero di immagini sono visualizzati a destra sotto la barra di controllo. Barra di controllo stop motion Questa barra include le opzioni di avanzamento e altre funzioni per l'importazione stop motion.

È possibile controllare e, se necessario, sostituire determinati fotogrammi senza rinunciare al lavoro svolto in precedenza. Il valore del contatore dipende dal numero di fotogrammi estratti e dalla velocità dell'animazione in fotogrammi al secondo. I pulsanti freccia su e giù a sinistra del contatore consentono di avanzare e retrocedere durante l'anteprima dell'animazione.

Un pulsante ciclo consente di riprodurre l'animazione continuamente per verificarla con semplicità. Influenza la velocità apparente dell'animazione. Il primo indicatore mostra la differenza di trasparenza con i fotogrammi successivi, mentre il secondo controlla il numero di fotogrammi oltre a quello corrente che farà parte dell'effetto.

Provare entrambe le impostazioni fino a trovare i livelli più idonei al filmato. Importazione dell'animazione Una volta aggiunti tutti i fotogrammi all'animazione, fare clic sul pulsante Avvia importazione. Istantanea La funzione Istantanea dell'Importazione guidata viene utilizzata per registrare fotogrammi singoli immagini fisse da videocamere o lettori collegati al sistema.

Per eseguire la preparazione, controllare che il dispositivo sorgente sia acceso, quindi selezionarlo in base al nome sotto il titolo Istantanea nel pannello Importa da dell'Importazione guidata. A questo punto avviare la videocamera, avvolgere il nastro e iniziare a monitorare l'anteprima incorporata nell'area centrale della finestra dell'Importazione guidata.

Per catturare un'immagine visualizzata, fare clic sul pulsante Cattura fotogramma. Cattura di istantanee nell'Importazione guidata. Durante l'anteprima di video live o su nastro nell'area centrale della finestra, utilizzare il pulsante Cattura fotogramma per estrarre immagini fisse. Le immagini estratte vengono posizionate nella barra delle immagini in basso nella finestra fino a quando si fa clic sul pulsante Avvia importazione per trasferirle nell'album di Studio.

Catturare il numero di fotogrammi desiderato. L'Importazione guidata aggiungerà ogni fotogramma alla raccolta nella barra delle immagini. Non è necessario interrompere il video sorgente finché è presente segnale quando si fa clic sul pulsante Cattura fotogramma. L'anteprima passerà dalla visualizzazione della sorgente video al file catturato e verrà attivato l'indicatore File. Fare clic sull'indicatore File o su una miniatura nella barra delle immagini per controllare le immagini già estratte.

In questo caso è stato fatto clic sulla miniatura 3 e il mouse è posizionato sull'icona del cestino per eliminare la miniatura.

La linea evidenziata a destra della miniatura selezionata indica dove verrebbe inserita la miniatura del successivo fotogramma estratto. Per eliminare un fotogramma catturato, selezionarlo nella barra delle immagini e quindi fare clic sull'icona del cestino visualizzata nell'angolo superiore destro della miniatura.

Per tornare all'anteprima del video dopo aver controllato i file nella barra delle immagini, fare clic sull'indicatore Live accanto alla visualizzazione dell'anteprima.

Importazione dei fotogrammi Una volta estratti tutti i fotogrammi desiderati dalla sorgente video, fare clic sul pulsante Avvia importazione. L'Importazione guidata aggiunge le immagini estratte alla sezione delle immagini fisse dell'album di Studio.

Le icone riportate qui rappresentano le scene all'interno di un file di filmato. I controlli in alto consentono di accedere ad altri file di filmato in qualunque punto del sistema. Grazie all'ampia diffusione delle tecnologie multimediali digitali, oggi è decisamente più semplice ottenere contenuti multimediali di qualità elevata e incorporarli nelle produzioni.

Molti tipi di contenuti multimediali e risorse possono essere utilizzati all'interno di filmati di Studio in aggiunta al semplice video. Partendo da elementi visivi è possibile includere fotografie digitali e immagini, titoli grafici e transizioni animate. Come avviene per l'audio, è possibile ottimizzare o sostituire la traccia audio del video sorgente con musica, effetti sonori e voice-over.

Sono inoltre disponibili elementi speciali. Le possibilità di utilizzare tutti i tipi di contenuti multimediali aggiuntivi, creati dall'utente o provenienti da origini diverse, sono inoltre praticamente illimitate. Gestione del contenuto multimediale L'organizzazione di tutti i contenuti multimediali si rivela spesso difficoltosa.

Studio offre tuttavia due strumenti di gestione che consentono di navigare tra i file multimediali e accedervi con facilità.

L'album consente di esplorare in modo intelligente tutta la raccolta multimediale. Permette di individuare e visualizzare in anteprima in modo semplice qualsiasi elemento desiderato che potrà essere introdotto in produzione trascinandone l'icona nella finestra del filmato.

Tutti i progetti condividono e utilizzano l'album, una funzionalità permanente della modalità di modifica di Studio. Il contenitore del progetto è una versione speciale dell'album dedicata alla gestione delle risorse necessarie per il progetto corrente. Gli elementi multimediali aggiunti al filmato vengono inclusi automaticamente nel contenitore del progetto, ma possono essere inclusi anche direttamente per poter essere gestiti in modo più pratico.

Il contenitore del progetto consente di raccogliere e archiviare tutti i materiali necessari per una produzione, per averli sempre a portata di mano durante il processo di editing, pronti da utilizzare ogni volta che il progetto viene caricato. In questo capitolo viene illustrato l'album, tuttavia la maggior parte dei concetti e delle operazioni descritti possono essere applicati anche al contenitore del progetto, descritto a partire da pagina Ad ogni sezione si accede premendo la rispettiva scheda; ecco le schede nel loro ordine: Video: questa sezione contiene il filmato video ripreso o ottenuto in altro modo.

Sono riconosciuti i seguenti formati di file video: avi, mpg, mpeg, mod, mp2, mp4, m2ts, mt2, m2t, tod, m1v, m2v, mpv, 3gp, wmv, mov e skm. È possibile accedere ai file e visualizzarli direttamente in anteprima oppure aprire un solo file per accedere alle relative scene rappresentate da icone di miniature.

Se desiderate usare alcune di queste scene nel nuovo filmato, basta trascinare le rispettive icone nella finestra del filmato. Per inserire una transizione, basta posizionarla nella finestra del filmato, vicino o fra due videoclip e la grafica. Titoli: In questa sezione sono contenuti titoli modificabili che potete usare come grafica in sovrimpressione o titoli a schermo intero.

Potrete usare o adattare dei titoli predefiniti o crearne di nuovi. Studio supporta scorrimento orizzontale e verticale, movimento animato e molti effetti tipografici. Foto e istantanee video: Questa sezione costituisce una raccolta di fotografie, bitmap e istantanee video che potete usare come immagini da sovrapporre al video principale o visualizzare a tutto schermo.

Sono supportati i principali formati di file grafici: bmp, dtl, gif, jpg, jpeg, pcx, png, psd, tga, tif e wmf. Potrete decidere se riprendere i menu originali, o modificarli, oppure crearne direttamente di nuovi. Potrete anche usare file registrati direttamente da voi o importati da altre sorgenti. I formati supportati sono: wav, mp3, mpa, m4a, wma, avi e ac3.

I formati supportati sono gli stessi supportati per gli effetti sonori. In alcuni, ad esempio nella sezione delle foto e delle istantanee singole dove le cartelle rappresentano le directory effettive presenti nel disco rigido, sono presenti ulteriori controlli di spostamento. Un elenco a discesa di cartelle nella sezione delle foto e delle istantanee singole.

In questo caso la cartella corrente contiene sia i file di immagine che le sottocartelle, una delle quali è stata contrassegnata come preferita è presente la stella. Le cartelle preferite possono essere recuperate rapidamente facendo clic su Cartelle Preferiti nell'elenco.

Le risorse in ogni cartella sono rappresentate da icone. Se il numero di risorse è troppo elevato per la visualizzazione, una barra di scorrimento consente di accedere alle risorse non visualizzate. Nella parte superiore destra di ogni pagina dell'album è visualizzato il numero totale di elementi presenti nella cartella e la quantità effettivamente visibile.

La scritta sopra la barra di scorrimento indica che sono visualizzate le prime 18 di 77 icone. Questo capitolo descrive le singole sezioni dell'Album, soffermandosi in dettaglio sulla sezione fondamentale, quella dedicata al video. Le icone delle scene nella modalità Scene della sezione dei video rappresentano segmenti all'interno di un determinato file video, mentre le icone nelle sezioni Transizioni e Temi rappresentano risorse speciali associate al programma Studio. Le altre cinque sezioni e la modalità File della sezione dei video presentano i file contenuti in cartelle del disco particolari.

Le icone della sezione dei Titoli rappresentano i file memorizzati in una cartella sorgente selezionata sul disco rigido. L'elenco a discesa nella parte superiore della pagina dell'album consente di eseguire la selezione da una o più cartelle di titoli installate.

Il pulsante della cartella accanto all'elenco consente di accedere ai titoli nelle cartelle in aggiunta a quelli elencati, se necessario.

La sezione dei Menu per i dischi funziona in modo analogo. La cartella sorgente per il contenuto di ogni sezione è elencata nell'elenco a discesa nella parte superiore sinistra dell'album, accanto a un piccolo pulsante con una cartella.

Alcune sezioni dell'album contengono inoltre un pulsante cartella padre che facilita lo spostamento all'interno di un gruppo di cartelle contenenti file multimediali dello stesso tipo. Nell'Album le scene sono visualizzate nell'ordine in cui sono presenti nel video. La modalità File e la modalità Scene La scelta di una particolare scena da usare in un filmato prevede due fasi.

Anzitutto occorre scegliere il file contenente la scena desiderata, localizzandolo sul supporto di memorizzazione, generalmente il disco rigido, collegato al sistema. Poi si seleziona la scena fra quelle contenute nel file scelto. Per accedere al file video nella sezione del video dell'Album, basta attivare il pulsante di opzione File.

Per accedere alle cartelle ed ai file video del computer basta attivare la modalità File nella sezione Video dell'Album. Fare doppio clic sul file video oppure attivare il pulsante di opzione Scene per passare alla modalità di visualizzazione delle Scene. Il segno di spunta rimane presente se una o più clip nella finestra del filmato hanno origine dalla scena. Un quadrato colorato nello stesso angolo dell'icona indica che l'icona è stata aggiunta in modo esplicito al contenitore del progetto.

Possono essere presenti simultaneamente entrambi gli indicatori vedere sotto. Studio evidenzia tutti i clip nella finestra del filmato che derivano dalla scena, o dalle scene selezionate. Quasi tutti i comandi di menu applicabili alle scene sono disponibili, sia dal menu principale Album, che dal menu di scelta rapida attivabile premendo il pulsante destro del mouse su una scena. Molti comandi sono inoltre disponibili nel contenitore del progetto.

Quando si accede alla sezione del Video in modalità File, queste due cartelle compaiono sempre nell'elenco a discesa, visibile in alto nella pagina dell'Album. Se si desidera, è possibile accedere anche ad altre cartelle del disco rigido in cui sono memorizzati i file video. Studio permette di aprire le cartelle che contengono i video, facendo clic sulle icone, visibili in modalità File.

In questo modo l'elenco a discesa mostra contemporaneamente quattro cartelle: le due cartelle predefinite, la cartella attuale e la cartella precedente a condizione che queste ultime siano diverse da quelle predefinite. L'ultima voce dell'elenco a discesa è "Cartelle Preferiti".

Se si lavora con diverse cartelle video, la funzionalità Preferiti di Studio facilita gli spostamenti tra gli elementi. Per contrassegnare una cartella come preferita, utilizzare il comando Imposta come cartella Preferiti del menu di scelta rapida. Per le cartelle dei Preferiti nell'album viene visualizzata l'icona di una stella. Per tornare a una cartella dei Preferiti, selezionare "Cartelle Preferiti" e quindi la cartella desiderata. La cartella a destra è stata contrassegnata come preferita, come indica la stella.

Vedere la Sezione del Video a pagina 58 per maggiori dettagli relativi alle modalità ed alle opzioni di visualizzazione quando si lavora con le scene video all'interno dell'Album.

Appaiono visibili sia le sottocartelle che i file video digitali presenti nella cartella corrente. Una volta che Studio avrà aperto il file video, passare alla modalità File per visualizzare il contenuto della cartella principale.

Ogni scena è contraddistinta da una miniatura che rappresenta il primo fotogramma della scena. Potrete scegliere un fotogramma differente come icona, se quella proposta dal programma non vi sembra rappresentativa.

Selezionare la scena da cambiare. Con il Lettore scorrere le scene fino a trovare il fotogramma da usare come miniatura. In mancanza di questa informazione, Studio utilizza il formato predefinito Questi comandi appaiono anche nel menu contestuale relativo ai video presenti nell'Album, che si apre con il pulsante destro del mouse.

Essi servono per modificare i fotogrammi originali in base alle nuove dimensioni. Se si modificano le proporzioni di un filmato e si imposta ad esempio un rapporto , persone e oggetti appariranno sproporzionati, troppo larghi rispetto all'altezza. È diverso dalla conversione delle dimensioni del fotogramma che avviene quando si aggiunge una scena a un filmato di proporzioni "contrarie".

In tal caso la scena viene ridimensionata in entrambe le dimensioni in misura uguale, in modo che si adatti al fotogramma target, e le aree in eccesso appariranno in nero.

Pinnacle Studio 19: download, come si usa, tutorial

Fino a quel momento le voci del menu saranno disabilitate. Vedere pagina per ulteriori informazioni.

Visione del video In qualsiasi momento è possibile passare in rassegna una o più scene del file video. Come rivedere il video, a partire da una scena selezionata: 1. Il Lettore mostra il primo fotogramma della scena selezionata. Fare clic sul pulsante Riproduzione del Lettore. Il Lettore inizia a riprodurre le scene selezionate e quelle successive. Selezione di scene e file In Studio è possibile selezionare le scene, i file e le cartelle nelle sezioni dei video dell'album in modi diversi.

Le scene video, una volta selezionate, appaiono evidenziate da una cornice. I nomi delle cartelle e dei file video selezionati appaiono evidenziati. La scena selezionata al centro appare evidenziata. I nomi di cartelle e file video selezionati appaiono evidenziati. Notare la stella sulla cartella "" che indica che la cartella è stata contrassegnata come preferita.

Visualizzazione di informazioni su scene e file Spostando il cursore del mouse su una scena video, il puntatore assume la forma di una piccola mano. Per tornare ad un elenco più compatto, scegliere il comando Visualizza Icone. Per rendere visibili ulteriori informazioni sulla scena, basta attivare la vista Commenti in uno dei modi descritti a pagina Le didascalie possono essere scelte a piacere, usando parole chiave per eventuali ricerche, o i nomi delle scene, oppure una descrizione del contenuto della scena.

La didascalia predefinita, generata dal programma, riprende il numero di sequenza della scena e la durata ad es. Per assegnare un diverso nome o un commento ad una scena, basta fare clic sulla scena video per attivare un campo di immissione del testo. Le due operazioni sono piuttosto semplici da realizzare. Selezionare la scene da combinare. Possono essere combinate fra loro solo le scene adiacenti. Inoltre le scene vengono unite fra loro nello stesso ordine in cui appaiono all'interno dell'Album, indipendentemente dalla sequenza con cui sono state selezionate.

Descrizione

La sequenza delle scene nell'Album va per file, e procede poi nella pagina dall'alto verso il basso. Alcune scene selezionate in nero vengono fuse in due scene più lunghe, mentre la scena 4, pur essendo parte della selezione, non viene combinata perché non è adiacente ad alcuna altra scena.

Selezionare le scene da dividere. Appare la finestra di dialogo Suddividi scene selezionate. Indicare la durata delle scene suddivise, inserendo il valore desiderato. Il più piccolo valore consentito per la suddivisione è un secondo; pertanto la parte di video residua dopo la suddivisione verrà aggiunta all'ultima scena. Fare clic su OK. È possibile suddividere ulteriormente queste scene a condizione che abbiano una durata minima di almeno un secondo.

Le durate disuguali dei clip, visibili a destra, dipendono dal fatto che la porzione residua dopo la suddisivione viene aggiunta alla scena finale dopo la divisione; questa è anche la ragione per cui la scena 2 non risulta interessata dall'operazione di suddivisione. Ripristino del rilevamento originale delle scene Se si uniscono o si suddividono le scene e successivamente si decide di riportarle allo stato originale, è possibile eseguire il redetecting di qualsiasi scena o selezione di scene.

I risultati sono identici a quelli originali, sempre che sia utilizzata la stessa tecnica di riconoscimento delle scene. Se sono state suddivise delle scene, la prima operazione da eseguire è quella di ricombinarle. Anche nel caso in cui non ci si ricordi esattamente dei passaggi eseguiti e si ricombini più del necessario, il processo di individuazione è in grado di ripristinare la sequenza video originale.

Come rilevare nuovamente le scene: 1. Scegliere adesso le scene che si desidera vengano nuovamente individuate. Dal menu Album, selezionare il comando Individua scene in base al contenuto video oppure il comando Individua scene per data e ora di ripresa.

Per facilitare la scelta delle transizioni, è disponibile un elenco a discesa che visualizza le transizioni suddivise per gruppi. Per una trattazione approfondita delle transizioni e del loro uso nei filmati si rimanda al Capitolo 9: Transizioni. La raccolta delle transizioni di Studio contiene 74 transizioni di tipo standard, più di transizioni Alpha Magic e un set iniziale di transizioni 3D di Hollywood FX non soggette a limitazioni.

Altre transizioni Oltre a quelle installate in Studio, sul sito Web di Avid è possibile acquistare ulteriori pacchetti di transizioni Hollywood FX. Soffermandosi con il cursore sull'icona, viene visualizzato il nome della transizione. Lasciando il cursore puntato sulla transizione, l'informazione resta visualizzata per alcuni secondi. Per vedere in dettaglio la transizione è possibile interrompere l'animazione nel Lettore e con gli appositi pulsanti Indietro di un fotogramma e Avanti di un fotogramma rivedere la transizione, fotogramma per fotogramma.

Ogni tema è formato da una serie di modelli coordinati. Dall'elenco a comparsa selezionate il tema del quale desiderate visualizzare i modelli. Volendo, è possibile aprirlo anche successivamente facendo doppio clic sul clip. Altri temi Oltre a quelli installati in Studio, sul sito Web di Avid è possibile acquistare altri temi.

Nuovi Programmi

La differenza consiste nel fatto che in un titolo a sovrimpressione lo sfondo trasparente viene sostituito da altro materiale in genere un videoclip , mentre in un titolo a schermo intero tutte le aree trasparenti dello sfondo vengono sostituite dal nero.

Entrambi consentono di combinare testo decorativo con forme e immagini grafiche, ma ognuna dispone di proprietà specializzate e di strumenti di editing propri. Come suggerisce anche il nome, tuttavia, questo tipo di titoli supporta un'ampia gamma di routine di animazione personalizzabili che possono essere applicate a elementi singoli testo o grafica per produrre composizioni visive dinamiche. Le versioni delle miniature dei titoli in movimento si distinguono con un simbolo speciale nel progetto.

Come per le scene video, i titoli aggiunti al progetto corrente sono indicati nell'Album dalla presenza di un segno di spunta verde. Con gli editor di titoli incorporati in Studio è possibile creare rapidamente i titoli necessari. La cartella dei Titoli: Le icone nella sezione Titoli rappresentano file contenuti nella cartella indicata in alto a sinistra nella sezione.

Ogni cartella contiene titoli classici o in movimento. Le cartelle speciali "I miei titoli in movimento" e "Titoli classici" rappresentano i percorsi predefiniti per l'archiviazione di titoli creati o modificati direttamente.

Per informazioni sull'uso dei titoli nei filmati si rimanda al Capitolo Editor dei titoli classici e al Capitolo Generatore di titoli in movimento. Sono supportati la maggior parte dei formati standard dei file grafici. Come per le scene video, le immagini utilizzate nel filmato corrente sono indicate da un segno di spunta.

La cartella delle Immagini fisse: Le icone presenti nella sezione delle immagini fisse rappresentano file contenuti nella cartella indicata in alto a sinistra della sezione. È possibile aggiungere immagini alla sezione salvandole in questa cartella. È possibile, ad esempio, salvare nella cartella i fotogrammi video acquisiti dallo strumento di cattura istantanee video, copiare le immagini con la procedura di importazione assistita,oppure salvare le foto digitali da un'applicazione desktop di fotoediting.

Come per le scene video e le altre risorse visive, i menu per i dischi utilizzati nel filmato sono indicati nell'Album dalla presenza di un segno di spunta. Per aggiungere nuovi menu alla sezione, basta salvarli in questa cartella. Il simbolo dello sfondo con immagini in movimento: Alcuni dei menu forniti in dotazione con Studio prevedono, sullo sfondo, immagini video in movimento anziché immagini statiche.

Anche voi potrete creare questo tipo di menu, conferendo al vostro disco un look molto professionale. Disponibilità: gli sfondi con le immagini in movimento sono disponibili solo in Studio Ultimate. Altri menu per i dischi Oltre a quelli installati in Studio, sul sito Web di Avid è possibile acquistare altri menu per i dischi. La cartella degli Effetti sonori: Questa sezione dell'Album mostra i file audio contenuti in una cartella del disco, indicata in alto a sinistra della sezione.

Per ascoltare in anteprima un clip audio, basta fare clic sul suo nome o sulla sua icona. Altri effetti audio Oltre a quelli installati in Studio, sul sito Web di Avid è possibile acquistare altri effetti audio. Per utilizzare i file, basta trascinarli sulla traccia Musica o su una qualsiasi traccia audio della timeline nella finestra del filmato, La cartella Musica: I file audio wav, mp3 e altri file audio sono contenuti nella cartella indicata in alto a sinistra della sezione.

È possibile aggiungere altri file audio alla sezione salvandoli in questa cartella. Per aggiungere nuovi file di musica in questa sezione, basta salvarli in questa cartella. Per maggiori informazioni sull'uso di sottofondi musicali nei filmati, vedere il Capitolo Effetti sonori e musica. La differenza principale è rappresentata dall'ambito di utilizzo e dalla sorgente delle raccolte.

Mentre l'album è una raccolta centrale delle risorse disponibili, il contenitore include solo gli elementi che già appartengono al progetto corrente o che sono stati contrassegnati in modo specifico per l'inclusione. Per questo motivo non dispone né necessita del sistema di cartelle sorgente e del tipo di spostamento tra file dell'album.

È tuttavia possibile inserire materiale dal file system direttamente nel contenitore del progetto trascinandolo, come descritto di seguito. Per ogni progetto viene creato automaticamente un contenitore vuoto i cui contenuti vengono caricati e salvati con il progetto. Il pulsante della cartella a sinistra del nome di progetto apre il contenitore del progetto Quando aperto, il contenitore del progetto ha l'aspetto di un pannello nell'area dello schermo normalmente occupata dall'album.

Aggiunta di elementi al contenitore del progetto Come indicato in precedenza, ogni volta che vengono aggiunti elementi al progetto, gli stessi elementi vengono aggiunti anche al contenitore del progetto per consentirne un ulteriore utilizzo. È inoltre possibile aggiungere elementi direttamente al contenitore del progetto e aggiungerli solo in seguito al progetto. In seguito all'aggiunta, i nuovi elementi vengono ordinati automaticamente nelle relative sezioni del contenitore del progetto e saranno disponibili alla successiva apertura del contenitore.

Gli elementi nel contenitore del progetto non sono nuove copie dei relativi file multimediali, ma solo riferimenti a file esistenti e pertanto è possibile aggiungerne il numero desiderato senza il rischio di utilizzare una quantità eccessiva di spazio di archiviazione.

Visitano il forum: Google [Bot] e 0 ospiti. Passa al contenuto. Cmq installa anche dei codec forse pinnacle non li ha. Vai su free-codec e scarica i k-lite codec full.

Sono i più completi da qualche parte nel forum trovi il link del download. Grazie ancora. I video.